Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Presentazione

  • : Chirurgia Ortopedica Funzionale
  • Chirurgia Ortopedica Funzionale
  • : blog costruito da un chirurgo ortopedico per Colleghi e pazienti
  • Contact

Ricerca Libera

Archivi

4 juillet 2009 6 04 /07 /juillet /2009 23:49
 Paziente di 16 anni affetto da ipotrofia con ipometria dell'arto inferiore sin conseguente ad esito di poliomielite, che aveva paralizzato  i muscoli dell'arto e sopratutto il quadricipite femorale, mentre aveva un bicipite femorale più debole del normale debole ma valido  contro gravità e resistenza.
   
   
La ipotrofia era legata in parte al femore e in parte alla tibia (circa3,5 cm in totale).
Il ginocchio era flesso di 20°
Contemporaneamente il piede sin aveva un equinismo non correggibile, che in parte compensava la dismetria ma che comunque rendeva difficile e sgraziata la deambulazione.
   A maggior ingrandimento la deformità scheletrica è più evidente
la dismetria è evidente, come l'equinismo del piede sin
  e la tensione del bicipite femorale
   
  Vennero eseguite
  •  correzione dell'equinismo mediante aponevrectomia tricipitale (parziale per non rischiare una ipercorrezione, che avrebbe potuto far recidivare la flessione del ginocchio)
  •  poi il distacco dell'inserzione del bicipite femorale che è stato trasferito sulla rotula
  •  quindi una compattotomia femorale distale e l'applicazione di un apparato di Ilizarov per estendere progressivamente il ginocchio...
   
  • ...e allungare il femore concedendo un carico precoce
   
   Qui vedete come l'allungamento femorale sia già stato sufficiente a compensare la dismetria femorale. La ipometria tibiale è stata sfruttata per facilitare il passo e per applicare una ortesi per il piede sin.
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

Partager cet article

Repost 0

commentaires