Overblog Suivre ce blog
Administration Créer mon blog

Presentazione

  • : Chirurgia Ortopedica Funzionale
  • Chirurgia Ortopedica Funzionale
  • : blog costruito da un chirurgo ortopedico per Colleghi e pazienti
  • Contact

Ricerca Libera

Archivi

17 novembre 2007 6 17 /11 /novembre /2007 11:13

 

 

Introduzione     

 

 

 

 

Le fratture da durata erano comuni nei militari  costretti una volta a marce forzate. Oggi, le fratture da durata dell'anca sono più comuni in atleti, particolarmente corridori di distanza.

  

 

 

 

Ci sono due tipi di fratture da durata. Le fratture di insufficienza sono rotture in osso anormale nell'ambito di forza normale. Le rotture per fatica sono rotture in osso normale che è stato messo nell'ambito di forza estrema. Le rotture per fatica sono causate solitamente dalle nuove, attività gravose e molto ripetute, quali la marcia su lunghe distanze. La maggior parte delle fratture da durata dell'anca sono rotture per fatica. Le fratture che da durata questo articolo si riferisce alle rotture per fatica.

 

 

Questa guida lo aiuterà a capire

 

 

·  come si sviluppa una frattura da durata

 

 

·  come i medici fanno diagnosi

 

 

·  che opzioni di trattamento sono disponibili

 

 

Anatomia

 

 

 

Che cosa è una Frattura da durata a livello  dell'anca?

 

 

Il femore è il più grande osso del corpo umano e si trova nella coscia. La testa del femore si articola  nel bacino in una cavità, denominata cotile o cavità cotiloidea. Quando una Frattura da durata si presenta nell'anca, coinvolge solitamente il collo femorale, la parte  dell'osso femorale che collega la testa alla parte principale del femore. Il collo femorale è una parte sottile del femore. Le fratture da durata sono fratture dell'osso che spesso inizialmente sono composte ma che possono diventare scomposte se trascurate o non trattate correttamente.

 

 

Il collo femorale deve sostenere una grande forza  persino durante le attività normali, come stare in piedi fermo. La contrazione normale dei muscoli durante il cammino rende questo sforzo sul collo femorale ancora più forte.

 

 

Una Frattura da durata scomposta è un problema grave in un giovane adulto perché può condurre al danneggiamento dei vasi sanguigni che entrano in estremità superiore della testa femorale. Ciò può causare una complicazione molto seria conosciuta come necrosi avascolare (AVN) dell'anca.

 

 

Cause

 

 

 

Perché avviene questo?

 

 

I medici ritengono che anche gli sforzi ripetuti possano rompere l’osso come si rompe una clip di metallo piegandola avanti e indietro ripetutamente.

 

 

Le ossa possono adattarsi solitamente allo sforzo ripetuto . Ciò è normale. Ma lo sforzo estremo ripetuto può superare la capacità dell'osso di adattarsi. Ciò è particolarmente frequente  quando qualcuno comincia improvvisamente una nuova attività gravosa e ripetuta.

 

 

Le rotture per fatica sono collegate sia  con la quantità di esercizio fisico che con la velocità  con cui viene aumentato il  programma di esercizio fisico. Più questo è rapido, più probabilità esistono di sviluppare una rottura per fatica..

 

 

Le donne hanno 10 volte più probabilità di sviluppare le rotture da fatica che gli uomini. I motivi per questo sono poco chiari. I cambiamenti ormonali possono rendere le donne più prone per le fratture. I disordini di cibo, che sono più comuni negli atleti donna, possono anche rendere le ossa più fragili.

 

 

L'età inoltre rende le fratture da durata dell'anca più probabili.

 

 

Sintomi

 

 

 

 

Come si manifesta una Frattura da durata dell’anca?

 

 

La maggior parte dei pazienti con fratture da durata dell’anca hanno dolore  nella parte anteriore dell'inguine mentre si levano in piedi e si muovono. Il riposo fa solitamente andare via il dolore.

I pazienti possono zoppicare. Le attività gravose, quali salire le scale, possono essere così dolorose che il paziente deve smettere di farle.

 

 

 

 

Diagnosi

 

 

 

Come si fa la diagnosi?

 

 

Il vostro medico prenderà un'anamnesi dettagliata e farà molte domande riguardo alle vostre attività ed esercizio fisico. Il vostro medico inoltre esaminerà fisicamente l'anca dolorente. Uno degli obiettivi principali del vostro medico sarà di determinare se esistono altri problemi, quali lesioni tendinee o muscolari.

 

 

Il vostro medico probabilmente suggerirà di eseguire radiografie della vostra anca. I raggi X possono escludere altri problemi, ma a volte possono  non mostrare la Frattura da durata.

 

 

Il vostro medico può suggerire altri esami strumentali che  permettono di dimostrare  una Frattura da durata più facilmente che una radiografia classica. Una scintigrafia ossea può essere suggerita per cercare i segni precoci di una Frattura da durata. La scintigrafia ossea consiste nell’iniettare radioisotopi  nel sangue circolante. I radioisotopi si accumulano nelle zone di rimaneggiamento osseo, quale una Frattura da durata.

 

 

L'esplorazione a risonanza magnetica (MRI) è particolarmente utile nel differenziare le rotture per fatica da altri tipi di lesioni con i simili sintomi.

 

 

Trattamento

 

 

 

Che cosa si può fare?

 

 

Il trattamento dipenderà dal tipo di frattura.

 

 

Trattamento incruento (non chirurgico)

 

 

 

I medici suggeriscono il più spesso il trattamento incruento per fratture da fatica. Dovete evitare di dare peso e usare  le grucce se necessario e riposare l'anca per almeno quattro - sei settimane. Il dolore può essere trattato con i farmaci (FANS). Se si sta attenti, le fratture tendono a guarire spontaneamente.

 

 

Se la frattura non è al rischio di scomposizione, bisogna comunque eseguire periodicamente radiografie per assicurarsi che l'osso tenda a consolidare. Se la frattura è a rischio di spostamento, la maggior parte dei chirurghi consiglia l’intervento. Ciò  perché la testa femorale può perdere la sua vascolarizzazione e tendere a andare in necrosi. Ciò conduce molto velocemente all'artrosi degenerativa dell’anca. Poiché questi effetti possono essere devastanti, la maggior parte dei chirurghi suggeriscono l’intervento, se ritengono che la Frattura da durata sia a rischio di scomposizione.

 

 

Chirurgia

 

 

 

L’intervento consiste nell’applicare viti di metallo nel collo femorale per fissare le ossa fratturate in attesa che la frattura guarisca.

 

 

 

 

Per effettuare questa procedura, una piccola incisione è fatta sulla faccia laterale della coscia superiore. Per mezzo di una macchina denominata fluoroscopio o amplificatore di brillanza, il chirurgo può inserire le viti di metallo nella posizione corretta mentre guarda l'immagine dei raggi X su uno schermo della TV.

 

 

Quando la frattura è scomposta, i chirurghi non sono nell'accordo su quale sia il trattamento migliore. La maggior parte dei chirurghi convengono che nel giovane sia meglio cercare di conservare la testa femorale applicando le viti.

 

 

 

 

Per evitare i problemi di necrosi epifisaria nel paziente più vecchio e  meno attivo si preferisce sostituire la testa femorale con una endopotesi o una artroprotesi.

 

 

Riabilitazione

 

 

 

Che cosa dovrei fare dopo il trattamento?

 

 

Riabilitazione dopo trattamento incruento

 

 

 

Il trattamento incruento della Frattura da durata richiede ai pazienti di evitare rigorosamente di concedere  il peso sul piede dell’arto fratturato nel cammino. Alcuni chirurghi permettono che i loro pazienti usino il carico sfiorante. Altri preferiscono che i loro pazienti contino sulle grucce completamente per evitare di caricare.

 

 

Il vostro chirurgo probabilmente richiederà i raggi X ogni poche settimane in modo da assicurarsi che le ossa non si scompongano. Quando il vostro chirurgo vede che le ossa sono saldate, potrete mettere più peso sul vostro piede quando vi levate in piedi e camminate. Un fisioterapista può dirigere la vostra riabilitazione per aiutarvi a migliorare la motilità nell'anca.

 

 

Riabilitazione dopo intervento

 

 

 

Dipende dal tipo di intervento usato. Lo scopo della maggior parte delle procedure chirurgiche per un'anca fratturata è di aiutare la gente a tornare mobile e deambulante il più rapidamente possibile. Ciò per evitare le complicazioni pericolose che possono accadere dall'immobilizzazione, quali la polmonite, tromboflebiti, la rigidità ed il dolore.

 

 

Un terapista fisico può seguirvi nell'ospedale subito dopo l’intervento in modo da aiutarvi a camminare con le grucce o un girello, per aiutarvi ad andare in bagno e per migliorare gradualmente il movimento.

 

 

Durante il vostro recupero, dovreste seguire le istruzioni del vostro chirurgo sul peso da concedere mentre camminate.

 

 

Dopo la dimissione a casa dall'ospedale, il vostro chirurgo può farvi lavorare con un fisioterapista per due - quattro sedute. Queste servono per accertarsi che siate sicuri nel muovervi in casa e nel salire dentro e fuori di un'automobile. Il vostro terapista farà le raccomandazioni circa la vostra sicurezza quando vi alzate  in piedi o camminate.

 

 

L'obiettivo del terapista è di ristabilire un modello di andatura normale ed aiutarvi a fare le vostre attività senza rischiare ulteriori lesioni alla vostra anca.
Repost 0
Published by sandro - dans Anca
commenter cet article
16 octobre 2007 2 16 /10 /octobre /2007 14:35

Brachimetatarsia IV metatarso sin

(accorciamento congenito del IV metatarso sin)

Rx in proiezione laterale
proiezione antero-posteriore
Controllo Rx post-operatorio immediato
Controllo Rx post-operatorio immediato
   Dopo 7 gg dall'inizio dell'allungamento
   Dopo 70 gg dall'inizio dell'allungamento
Dopo 70 gg dall'inizio dell'allungamento
Dopo 70 gg dall'inizio dell'allungamento
   Dopo 70 gg dall'inizio
    A 4 mesi dall'inizio dell'allungamento appena rimosso l'allungatore
A 4 mesi dall'inizio dell'allungamento
   
2008-01-23-1778.png Risultato finale 15 gg dopo la rimozione del fissatore : la cicatrice è modesta e il dito appare normale
   
2008-01-23-1859.png Ora può camminare con scarpe normali e con ciabatte infradito senza più imbarazzo
  morelfin1.jpg   E' in grado di stare sulle punte...
  morelfin0.jpg  e l'aspetto estetico del piede sin è diventato migliore del dx, non operato 
  morelfin9.jpg mentre la pianta del piede, tornata normale, non presenta segni di sovraccarico 
   
   
   
     
       
Repost 0
3 août 2007 5 03 /08 /août /2007 08:25
  
 
 

 CORSO DI AGGIORNAMENTO ECM

 LA CHIRURGIA DELL’ARTO INFERIORE NELLE PARALISI CEREBRALI INFANTILI

Direttore del Corso: Sandro Reverberi


20, 21, 22 settembre 2007

Reggio Emilia, Rocca Saporiti

ECM - Ministero della Salute

20 settembre: giovedì


8.30 Registrazione dei partecipanti

8.45 Saluti delle autorità

8.55 Introduzione al corso

Sandro Reverberi


1° Sessione

Moderatore Luigi Romanini


9.00 Introduzione storica (lezione magistrale)

Luigi Romanini

9.45 Inquadramento del problema

Adriano Ferrari

10.30 Evoluzione delle deformità dell’arto inferiore nelle paralisi spastiche

Silvia Alboresi, Silvia Sassi

11.15 Coffee break

11.30 L’esame obiettivo nelle paralisi cerebrali infantili

Manuela Lodesani, Simonetta Muzzini

12.15 Discussione

13.00 Pausa pranzo


2° Sessione

Moderatore Luigi Romanini


14.00 Problemi anestesiologici

            Cecilia Piacentini

14.30 L’anca: chirurgia delle parti molli

Maurizio Mori

15.30 L’anca: chirurgia scheletrica

Nicola Portinaro

16.30 Break

16.45 Presentazione di casi clinici e discussione

18.00 Chiusura lavori







21 settembre: venerdì


3° Sessione

Moderatore: Vincenzo Riccio


9.00 Il ginocchio: chirurgia delle parti molli

            Sandra Bertana

10.00 Il ginocchio: chirurgia scheletrica

            Sandro Reverberi

11.00 Coffee break

11.15 Presentazione di casi clinici e discussione

13.00 Pausa pranzo


4° Sessione

Moderatore: Vincenzo Riccio


14.00 Il piede: chirurgia delle parti molli

            Armando Tirelli

15.00 Il piede: chirurgia scheletrica

            Roberto Schiavon

16.00 Casi particolari

Carlo Cordella

16,30 Break

17.00 Presentazione di casi clinici e discussione

18.00 Chiusura lavori


21 settembre: sabato


5° Sessione

Moderatore Carlo Cordella


8.30 Gestione infermieristica

            Letizia Coradazzi

9.00 Seduta operatoria chirurgica teletrasmessa

11.00 Coffee break

11.15 Il trattamento fisioterapico chirurgico,

ortesico post operatorio

            Antonella Ovi, Maddalena Romei

12.00 Test di apprendimento ECM

12.15 Discussione

13.00 Chiusura corso

Crediti ECM

Questo corso ha ottenuto dalla Commissione Nazionale per l’Educazione Continua in Medicina l’attribuzione di 19 (diciannove) crediti formativi ECM.

 

Destinatari

Medici afferenti alle specialità di ortopedia e traumatologia, medicina fisica e riabilitazione, neuropsichiatria infantile


Sede

Rocca Saporiti, Reggio Emilia

Viale Murri, 7 – Tel. 0522/296216


Per raggiungere la sede:

In auto dall’autostrada: unica uscita casello di RE, seguire indicazioni per il centro storico - Ospedale

Dalla Stazione FS: Autobus linea 1 direzione Ospedale - Albinea


Costi e modalità di iscrizione

L’iscrizione è a numero chiuso per un massimo di 30 partecipanti con crediti ECM. Per accedere ai posti con ECM farà fede la data di arrivo della scheda di partecipazione e della copia dell’avvenuto pagamento.


Il costo, comprensivo di materiale didattico e di coffee break, è di € 300,00 + IVA = 360,00.

Specificare se il corso viene pagato da Ente Pubblico. Solo in tal caso, l’iscrizione è IVA esente ai sensi dell’art. 10 DPR 633/1972.

Verrà applicata la quota ordinaria fino al 30/08/07.

Dopo tale data le quote saranno maggiorate del 20%.

Dopo il 31 agosto 2007 non saranno rimborsate le quote di iscrizione.

L’iscrizione verrà convalidata automaticamente, cioè senza conferma da parte della Segreteria Organizzativa, solo dopo l’avvenuto pagamento. Nel caso non fossero più disponibili posti con crediti ECM, la Segreteria contatterà il partecipante per comunicazioni.

NON SI ACCETTANO PAGAMENTI O NUOVE ISCRIZIONI IN SEDE CONGRESSUALE.

L’iscrizione avviene inviando la scheda di iscrizione e la ricevuta dell’avvenuto pagamento alla Segreteria Organizzativa

  • o per posta: All Mobility, via G. Balla, 4 – 42100 Reggio Emilia

  • o via fax al n. 0522/ 946625

  • o via e-mail: elena@allmobility.org

La quota di iscrizione deve essere saldata tramite bonifico bancario a:

All Mobility Società Cooperativa Sociale

c/o l’istituto Credito Emiliano Sede Centrale – Reggio Emilia

C/C 010000053680 - CIN S - ABI 03032 - CAB 12800

IBAN IT33S0303212800010000053680

specificando nella causale del versamento: nome e cognome del partecipante e la dicitura “Chirurgia dell’arto inferiore nelle PCI”

 

Segreteria Organizzativa

All Mobility - Reggio Emilia

Tel. 0522/ 941078
e-mail: elena@allmobility.org

Per informazioni:

Elena Castellari Cell. 339/4878514

Segreteria Scientifica
Daria Piazzi cell. 347/660.31.35

e-mail: dariapiazzi@computerforever.com


Relatori e moderatori

S. Alboresi: U. O. Riabilitazione Infantile, Arcispedale S. Maria Nuova, Reggio Emilia

L. Coradazzi: U. O. Riabilitazione Infantile, Arcispedale S. Maria Nuova, Reggio Emilia

S. Bertana: U.O. Chirurgia Pediatrica, Osp. Maggiore di Bologna

C: Cordella Az. ASMN Reggio Emilia

A. Ferrari: Medicina Riabilitativa, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

M. Lodesani: U. O. Riabilitazione Infantile, Arcispedale S. Maria Nuova, Reggio Emilia

M. Mori: U.O. Ortopedia Pediatrica, Ist. Clinico Humanitas, Milano

S. Muzzini: U. O. Riabilitazione Infantile, Arcispedale S. Maria Nuova, Reggio Emilia

A. Ovi: U. O. Riabilitazione Infantile, Arcispedale S. Maria Nuova, Reggio Emilia

C. Piacentini: U. O. Anestesia e Rianimazione, Arcispedale S. Maria Nuova, Reggio Emilia

N. Portinaro: U.O. Ortopedia Pediatrica, Ist. Clinico Humanitas, Milano

S. Reverberi: Chirurgia Ortopedica Funzionale, Arcispedale S. Maria Nuova, Reggio Emilia

V. Riccio: Università Napoli

L. Romanini: Università Roma

M. Romei: U. O. Riabilitazione Infantile, Arcispedale S. Maria Nuova, Reggio Emilia

S. Sassi: U. O. Riabilitazione Infantile, Arcispedale S. Maria Nuova, Reggio Emilia

R. Schiavon: U. O. di Ortopedia e Traumatologia, Osp. S. Bortolo, Vicenza

A. Tirelli Università Napoli





SCHEDA DI ISCRIZIONE


LA CHIRURGIA DELL’ARTO INFERIORE NELLE PARALISI CEREBRALI INFANTILI

Reggio Emilia, 20-22 settembre 2007


Dati per il programma ECM:

Cognome ___________________________________

Nome _____________________________________

Indirizzo ___________________________________

CAP ________Città__________________PROV_____

Tel._______________________________________

Cell._______________________________________

e-mail______________________________________

C.F. _______________________________________

Nato a: ____________________________________

Data: _____________________________________

Professione _________________________________

PIVA ______________________________________


Dati per la fatturazione:

Ente_______________________________________

__________________________________________

Indirizzo ___________________________________

CAP ________Città__________________PROV_____

Tel. ___________________Fax _________________

e-mail______________________________________

P.IVA _____________________________________


La ricevuta è da intestare a:

Me stesso All’Azienda


Sono:

Medico

Terapista

Allievo


Ai sensi D.Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali, Vi autorizzo ad utilizzare i miei dati a fini informativi in merito alle vostre iniziative

Firma _________________________________


Repost 0
Published by S. Reverberi - dans Varie
commenter cet article
20 juillet 2007 5 20 /07 /juillet /2007 09:24

Lussazione inveterata della TMC

La TMC raramente si lussa, ma se lo fa la lussazione avviene dorsalmente. Si rompono i legamenti dorsali ma i legamenti volari vengono strappati dalla superficie volare della base del I metacarpo. A seconda della gravità del trauma la lussazione può essere completa o incompleta (sub-lussazione).

Se la lussazione si riduce è sufficiente applicare il gesso con presa di pollice, ma se non si riduce è necessario ricostruire l'apparato capsulo-legamentoso volare secondo la tecnica di Eaton-Littler. Il legamento che stabilizza l'articolazione è il l. volare obliquo ed è questo che deve essere ricostruito. Si usa una via d'accesso volare, dissociando i muscoli tenari ed esponendo la superficie volare dell'articolazione. Si rimuovono i tessuti interposti che possono impedire la riduzione e si pratica un tunnel osseo nella base del I metacarpo parallelo alla superficie articolare. Si preleva una metà del t. Flessore ulnare del carpo lasciando intatta la sua inserzione distale sulla base del II metacarpale e lo si fa passare in direzione da volare a dorsale nel tunnel intraosseo ribaltandone poi l'estremità fino a risuturarlo volarmente sul flessore radiale stesso in giusta tensione. E' utile applicare un filo di Kirschner transarticolare per evitare tensioni eccessive sul neo-legamento.

L'articolazione TMC viene poi immobilizzata con una valva gessata con presa di pollice per circa 35 gg. 

 

Repost 0
20 juillet 2007 5 20 /07 /juillet /2007 09:24

Lussazione inveterata della TMC

TLa TMC raramente si lussa, ma se lo fa la lussazione è dorsale. Si rompono i legamenti dorsali ma i legamenti volari vengono strappati dalla superficie volare della base del I metacarpo. A seconda della gravità del trauma la lussazione può essere completa o incompleta (sub-lussazione).

Se la lussazione si riduce è sufficiente applicare il gesso con presa di pollice, ma se non si riduce è necessario ricostruire l'apparato capsulo-legamentoso volare secondo la tecnica di Eaton-Littler. Il legamento che stabilizza l'articolazione è il l. volare obliquo ed è questo che deve essere ricostruito. Si usa una via d'accesso volare, dissociando i muscoli tenari ed esponendo la superficie volare dell'articolazione. Si rimuovono i tessuti interposti che possono impedire la riduzione e si pratica un tunnel osseo nella base del I metacarpo parallelo alla superficie articolare. Si preleva una metà del t. Flessore ulnare del carpo lasciando intatta la sua inserzione distale sulla base del II metacarpale e lo si fa passare in direzione da volare a dorsale nel tunnel intraosseo ribaltandone poi l'estremità fino a risuturarlo volarmente sul flessore radiale stesso in giusta tensione. E' utile applicare un filo di Kirschner transarticolare per evitare tensioni eccessive sul neo-legamento.

L'articolazione TMC viene poi immobilizzata con una valva gessata con presa di pollice per circa 35 gg. 

Repost 0
17 juillet 2007 2 17 /07 /juillet /2007 19:38
paziente di 16 anni, diplegico, con gravi problemi di vista.
Da 2 anni non riusciva più a camminare
poteva stare in piedi solo se sorretto, con ginocchia flesse a 90°
con l'uso delle scarpe riusciva a mantenere una postura migliore ma non a camminare, neanche con l'uso di tutori perchè le ginocchia rimanevano flesse
quadro radiografico preoperatorio a dx  
quadro radiografico preoperatorio a sin  
 quadro radiografico post-operatorio  
controllo del ginocchio dx a 3 mesi  
controllo del ginocchio sin a 3 mesi
 a distanza di 60 gg. dall'intervento di osteotomia con l'uso di tutori muove i primi passi con i tutori.
 
riesce a mantenere una postura corretta, con le anche e le ginocchia estese e camminare per alcuni metri.
Questo è già un grande successo per un ragazzo che da anni aveva perso la capacità di mantenere la stazione eretta e non riusciva più a camminare
 
Repost 0
9 juillet 2007 1 09 /07 /juillet /2007 14:07

INFORMAZIONI LEGALI

Questo sito non ha alcuna finalità commerciale, né di lucro; è solo un blog.

 

Ciò che è presente nelle sue pagine è frutto dei contributi volontari di quanti frequentano questo spazio o di materiale tratto liberamente dalla rete.

 

Per i testi pubblicati si è cercato di ottenere l'autorizzazione da parte dei rispettivi autori.  Non è nostra intenzione violare il Copyright dei proprietari del materiale.

 

Tuttavia, in caso di presenza di materiale coperto da Copyright di cui non siamo a conoscenza, garantiamo la rimozione immediata di tale materiale, previa comunicazione a mezzo posta elettronica.

 

La responsabilità dei testi pubblicati è dei relativi autori. 

 

 

Tutto il materiale non firmato inserito sul sito è proprietà del Dr. Sandro Reverberi si è autorizzati comunque a vedere e leggere, ma non a copiare i files o dal presente sito se il materiale sia usato esclusivamente per motivi non commerciali e quindi non a scopo di lucro.



Nel rispetto della Legislazione vigente sull'editoria italiana,
si fa presente che il blog non è un prodotto editoriale, non è una testata giornalistica e quindi non ha alcun editore; non rientra, a tal proposito, nella categoria dell'informazione periodica stabilita dalla Legge n. 62/2001,  visto che anche gli aggiornamenti sul sito sono casuali e non periodici.



Considerata la Legge n. 675/96, si fa presente che sarà rispettata la tutela della privacy di coloro che scrivono o comunicano sotto qualsiasi forma con il presente sito.

Repost 0
Published by sandro - dans Varie
commenter cet article
8 juillet 2007 7 08 /07 /juillet /2007 22:07

neoformazione del dito indice
Repost 0
7 juillet 2007 6 07 /07 /juillet /2007 09:24

Alluce valgo doloroso in paziente di 16 anni affetto da tetraplegia, non in grado di stare in piedi o camminare

quadro radiografico preoperatorio 1
quadro radiografico preoperatorio 1
quadro radiografico preoperatorio 1
   
   
   
   

Repost 0
24 juin 2007 7 24 /06 /juin /2007 20:21

Epitrocleite calcifica

Repost 0